L'importante è che la morte ci colga vivi (Marcello Marchesi)

"L'importante è che la morte ci colga vivi" (Marcello Marchesi)

venerdì 8 maggio 2009

ANCHE I FINLANDESI NEL LORO PICCOLO SI INCAZZANO.

RISPONDERANNO PROIBENDO A NOKIA DI FAR PUBBLICIZZARE IN QUALSIASI FORMA I SUOI TELEFONI SULLE RETI MEDIASET?


Berlusconin suomalaispuheet ihmetyttävät


 




7.5.2009 10:19


Italian pääministeri Silvio Berlusconi jaksaa naurattaa maanmiehiään Suomi-vitseillä.



- Ajatelkaa, kun olin Suomessa, suomalaiset veivät minut 1700-luvulla rakennettuun puukirkkoon. Muistan, kuinka tärkeää se heille oli. Heräsimme aamulla aikaisin ja matkasimme kolme tuntia kirkolle. Meillä moinen kirkko olisi pantu maan tasalle, Belusconi heitti.



Kyse kai on Petäjäveden puukirkosta joka löytyy myös Unescon maailmanperistöluettelosta.



Vähän ihmetyttää tuollaiset heitot.


Ei ole ensimmäinen kerta


SECONDO IL CORRIERE DELLA SERA VUOL DIRE PIU' O MENO CHE I FINLANDESI SONO PIUTTOSTO INCAZZATI PER ESSERE STATI NOMINATI DA UNO CHE NEL LORO PAESE NON C'E' MAI STATO E TANTOMENO PUO' AVER VISTO UNA CHIESA DEL '700 TALMENTE BRUTTA CHE IN ITALIA L'AVREBBERO ABBATTUTA ( E NON E' NEMMENO VERO ...).


ATTENDIAMO SMENTITA SULLA BUFALA, A QUESTO PUNTO, PLANETARIA. TRASMESSA ANCHE IN TELEVISIONE, CON CODAZZO COMPIACENTE FESTANTE E RIDANCIANO.


I FESSI BASTA POCO PER FARLI RIDERE, EFFETTIVAMENTE.


5 commenti:

  1. Berluscronaca8 maggio 2009 17:41

    è solo l'ennesima di una lunga serie...

    RispondiElimina
  2. Deprimente.

    Idiota.

    E ancora più idiota il popolino che vota.

    RispondiElimina
  3. SE LA MIA AMICA fINLANDESE RIESCE A POSTARE SUL BLOG LE FOTO..TI FACCIO UN FISCHIO!..

    RispondiElimina
  4. Quello che preoccupa non è Berlusconi che, a detta della (ex?)moglie è malato, ma quei cerebrolesi che, anziché provare un pò di imbarazzo, lo assecondano ridendo alle sue battute infelici.

    Come a L'Aquila quando ha detto "Posso palpare un pò la Signora?", e l'entourage ha sghignazzato.

    Tant'è. :-(

    Ciao Lex

    RispondiElimina
  5. Un pò di tempo fà lessi un articolo che portava la firma di Jorge Valdano, indimenticato calciatore argentino, nell'intervista parlava di Maradona e alla fine dell'intervista, che finiva più o meno cosi: guarda, Diego, con il pallone tra i piedi sei un dio. Ma comunque resti soltanto un uomo. Ecco la stessa cosa si potrebbe dire del Diversamente Alto e della sua corte dei miracoli, anzi mi piacerebbe che qualcuno ricordasse a Bondi che prendere le parole, metterle in un frullatore e dopo aver avviato le eliche versarle su un foglio di carta non vuol dire scrivere poesie? Ma, soprattutto, potete dire al diversamente alto che non fa ridere? Che non è spiritoso? Che dare del kapò ad un tedesco democratico è offensivo, che raccontare barzellette sui malati di aids che fanno le sabbiature è deprimente, che fare le corna nelle foto ufficiali è maleducato, che dire alle precarie di sposare uno ricco è stupido (ma a pensarci bene, in qualche modo avrà voluto dire che un precario maschio può trombarsi tranquillamente sua figlia?), che dire che per le donne il punto g è la finale della parola shopping è roba da bagaglino? Che urlare Mister Obamaaaaa in un incontro ufficiale e non allo stadio non è educato? Dire che pur di avere la sede dell’agenzia europea per la sicurezza alimentare ha corteggiato il Presidente della Finlandia non è da gentiluomo? Che non fa ridere, insomma. Che quel senso dell’ umorismo che crede di avere non esiste? Che incitare all’evasione fiscale è un reato soprattutto per chi come lui evade sistematicamente, insomma è come un prete che quando dice messa non pensa neanche a Cristo. Perché dire una battuta che non fa ridere è triste. Ancora più triste e doverla spiegare, o dover dire: Era una battuta…le battute non si spiegano: se non vengono capite sono cazzate. Come un pittore che davanti ad un suo quadro dovesse dire: E’ un tramonto. Se non si capisce che è un tramonto vuol dire che dipinge con il culo. Ma più triste di tutto e sentire una battuta che non fa ridere e vedere la corte dei miracoli che sta attorno ridere, sforzandosi, a crepapelle per far contento il padrone.



    NucleoZero

    RispondiElimina