L'importante è che la morte ci colga vivi (Marcello Marchesi)

"L'importante è che la morte ci colga vivi" (Marcello Marchesi)

giovedì 2 aprile 2009

SCUOLA. 43.000 EDIFICI SCOLASTICI ESISTENTI.

VUOI PER ETA', VUOI PER TANTI ALTRI MOTIVI, SONO QUASI TUTTI DA RISTRUTTURARE. NON PASSA GIORNO SENZA QUALCHE CORNICIONE CHE CADE, CONTROSOFFITTI INFILTRATI DALL' ACQUA E AMENITA' DI VARIO GENERE.


LE CRONACHE GIORNALISTICHE PARLANO ADDIRITTURA CHE 8.000 EDIFICI SCOLASTICI SONO STATI COSTRUITI PRIMA DEL 1945 (20%).


LA RISTRUTTURAZIONE AVVIENE SECONDO LA GUIDA DEGLI ENTI LOCALI, CHE NE SONO PREPOSTI.


RISTRUTTURARE IL 20% ALL' ANNO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI, PARTENDO SUBITO SBLOCCANDO I FONDI A DISPOSIZIONE DELLE PROVINCE E BLOCCATI DAL PATTO DI STABILITA'.


GENEREREBBE UN INDOTTO STIMABILE IN 1 MILIARDO DI EURO SOLO DA QUI A DICEMBRE 2009. IN 5 ANNI TUTTE LE SCUOLE SAREBBERO RINNOVATE!


OLTRE A MIGLIORARE I LUOGHI DOVE VANNO A PASSARE IL TEMPO I NOSTRI FIGLI, POSSIBILMENTE A STUDIARE E NON A SCANSARE DETRITI. INTERESSA A TUTTI.


SENZA RETORICA, SENZA GOVERNO DEL FARE. SENZA LASCIARE LA CASSA A TREMONTI, CHE CIUCCIA TUTTO PER SE'.


ROBA VERA, NON LE APPROSSIMAZIONE RETORICHE DEL GOVERNO SUI 70 MILIARDI GENERATI DAL PIAN(T)O CASA. UN GOVERNO CHE SPARA A CASO NEL MUCCHIO DELLE CAZZATE. E ELARGISCE I SOLDI PER UN PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA CHE NON SERVE A NESSUNO. SE NON ALLA MAFIA PER FARE I SUOI AFFARI E AL BERLUSKAZZ PER ELEMOSINARE VOTI.

4 commenti:

  1. valtergiraudo2 aprile 2009 13:08

    Questa è solo una parte... E tutti gli altri edifici pubblici come biblioteche, musei, ecc. ecc.

    Quanti edifici vediamo lasciati allo sfascio più totale?

    La manutenzione se è periodica alla fine costa meno...

    RispondiElimina
  2. CasaComCamp20032 aprile 2009 13:37

    Ciao, Franceschini parla avento; infatti il Piano Casa è attuabile da subito e da molti privati che decidano di farlo, mentre gli edifici pubblici passano attraverso decisioni dei vari consigli comunali, che prima deliberano l'incarico alla progettazione, poi bandiscomno gli appalti ma.... solo quando risultano assegnatari di fondi da parte dello Stato della Cassa depositi e prestiti e quindi l'inizio dei lavori resta poi ancora subordinato ad appalti ecc.

    Ristrutturare è necessario oltre che doveroso, ma i tempi sono ben diversi, se si vuole dare ora un contributo alla crisi economica ! Eppoi: quali sono i Comuni le Provincie o le Regioni pronte con progetti di ristrutturazione di scuole pubbliche da ristrutturare e reme per mancanza di finanziamento ! Nessuna . . .

    Buona navigazione

    By Mr Greco 46

    RispondiElimina
  3. Ciao Mr Greko,

    bisogna ristrutturare prima di strutturare di nuovo. Ma, la domanda mi sorge spontanea: a che serve ristrutturare questi 43.000 edifici scolastici se poi tanti di questi chiudono per via dei licenziamenti attuati dal Decreto Gelmini?

    RispondiElimina
  4. guardate che gli enti locali hanno diversi miliardi di lavori fermi a causa del patto di stabilità. fermi vuol dire che la spesa è già operativa ... per paol84 sei sicuro che chiudono i plessi scolastici? le iscrizioni sono in costante aumento ...

    RispondiElimina