L'importante è che la morte ci colga vivi (Marcello Marchesi)

"L'importante è che la morte ci colga vivi" (Marcello Marchesi)

giovedì 2 aprile 2009

UNIVERSITA'. GELMINI CONFERISCE INCARICO A MASIA DI SALVARE I BARONI.

SAREBBE PASSATA INOSSERVATA LA PRESENZA DA 34 ANNI ALVERTICE DEL MINISTERO DELL' ISTRUZIONE DEL PROF. ANTONELLO MASIA ANCHE IN PRESENZA DELLA RICONFERMA DA PARTE DELLA SUB-SERVA GELMINI. - IN EFFETTI QUALE CREDITO SI POTREBBE DARE AL PRINCIPALE RESPONSABILE AMMINISTRATIVO DELLO STATO PENOSO IN CUI VERSA L' UNIVERSITA' ITALIANA NON CI E' DATO DI COMPRENDERLO -.


STIGMATIZZATO DA GIAN ANTONIO STELLA SULLE PAGINE DEL CORRIERE DELLA SERA COME PRINCIPALE RESPONSABILE DELLA PRESENZA E PERMANENZA DEL POTERE BARONALE ALL'INTERNO DELL' UNIVERSITA', SAREBBE PASSATO ANCORA ABBASTANZA INOSSERVATO.


MA IL GRAND'UOMO HA BEN PENSATO DI RISPONDERE NELLA RUBRICA DEL QUOTIDIANO AL GIORNALISTA, CON TONO E AFFERMAZIONI CHE LASCIANO MOLTO, SCUSATE, INCAZZATI.


 BELLA FACCIA DI CULO. E' SOPRAVVISSUTO A NON SO QUANTI MINISTRI DELL' ISTRUZIONE, BISOGNA AVERE UN PELO SULLA PANCIA INCREDIBILE!


IN EFFETTI SI E' DIFESO CON QUESTA TESI SINGOLARE.


BENCHE' LA CAUSA CONTRO UN DOCENTE DI OTORINO PER CONCORSO TRUCCATO SI FOSSE CHIUSA DOPO 20 ANNI IN CASSAZIONE CON LA CONDANNA PENALE DEL SOGGETTO, POICHE' NON VI ERA RIMOZIONE AMMINISTRATIVA OBBLIGATORIA - E NON POTEVA ESSERCI, PERCHE' NEL MERITO LA CASSAZIONE NON POTEVA GIUDICARE IN QUELLA SEDE - IL PROFESSORE FEDRIFAGO E LADRO RICONOSCIUTO POTEVA TRANQUILLAMENTE RIMANERE NELLA CATTEDRA RUBATA.


E COSI' VALE PER TUTTI GLI ALTRI FIGLI E PARENTI DEI BARONI, COOPTATI CON CONCORSI TRUCCATI COME BEN SAPPIAMO DA TUTTE LE FONTI CHE LEGGIAMO.


PECCATO CHE L'AZIONE AMMINISTRATIVA L' AVREBBE DOVUTA FARE LUI COME RESPONSABILE DEL MINISTERO! INFATTI G.A.S. CONCLUDE LA SUA RISPOSTA DICENDO CHE SE ANCHE FORMALMENTE LA SCELTA DI LASCIARE I BARONI A LORO POSTO SIA LEGITTIMA, L'OPERATO DEL MASIA E' MORALMENTE INACCETTABILE.


COME INACCETTABILE E' LA SUB-SERVA GELMINI CHE LO PROTEGGE E GLI CONFERMA IL POTERE DI CUI HA INGIUSTAMENTE ABUSATO DA TROPPI ANNI.

2 commenti:

  1. salvatorescalia2 aprile 2009 13:54

    Ho avuto modo di leggere qualcosa scritto da Masia...veramente orribilante!Non accetta che vi sia un pluralismo all'interno dell'Università.

    Comunque, una piccola annotazione, il poverino in foto non è Antonello Masia ma il Senatore Giuseppe Valditara.

    RispondiElimina
  2. l'ho prontamente rimosso, pedono!

    RispondiElimina